giovedì 16 febbraio 2017

Campari in red



Killer in Red  

Campari nasce nel 1860 a Milano  quando Gaspare Campari dà vita al famoso aperitivo rosso e la sua vera affermazione arriva nel 1932 con il Campari Soda:nella seconda metà degli anni ’90 Campari diventa leader nel beverage con un solido portafoglio di oltre 50 marchi marchi; nel 2016 Gruppo Campari è il sesto gruppo a livello mondiale nel  beverage di marca.

Il regista Sorrentino è stato ingaggiato dopo il suo Oscar per il progetto Campari  Red, che rottamerà l'amato  calendario  con una serie di  short movie: il suo primo cortometraggio sarà una raccolta di  12 storie di cocktail; Campari si ispira senza tanti misteri al maestro Federico Fellini e sdogana il web come canale privileggiato al tempo dei native millenials.
In Killer in Red  troviamo 14 bartenders scelti in tutto il mondo per essere i veri protagonisti del corto e naturalmente in primo piano  il rosso  Campari: l’immagine vincente della star internazionale Clive Owen nei panni del bartedender rende assolutamente perfetto il cocktail  tra brand e artisti.



Un altro cambiamento è la vendita da parte di Campari di 650 ettari di vigneti di Sella&Mosca e Teruzzi&Puthod al gruppo Terra Moretti (Bellavista):esce definitivamente dal comparto dei vini fermi; entrano nell'affare anche i cinesi di Nuo Capital della famiglia Cheng/Pao di Hong Kong.

Terra Moretti è gruppo bresciano tra i più importanti della  Franciacorta col marchio Bellavista, un'azienda che rappresenta  marchi di grande tradizione in ambito vitivinicolo:
Sella&Mosca vanta una tenuta 550 ettari vitati in Sardegna destinate alla vinificazione di vini fermi e spumanti nel comparto dei vini di alta; Teruzzi&Puthod produce Dop Vernaccia di San Gimignano in Toscana.
La compagnia di investimenti Nuo Capital ha investito in Italia 57 milioni di euro a fianco della famiglia Moretti, che si aggiudica l’accesso privilegiato ai mercati asiatici: la sfida del gruppo bresciano è la valorizzazione del brand sullo scenario internazionale in sintonia con la loro tradizione.

Il Gruppo Campari ha archiviato definitivamente il suo passato vinicolo ed è ritornato sulla via maestra del suo tradizionale core business degli spirit.


Producer

www.camparigroup.com/it

Nessun commento:

Posta un commento